giovedì 9 agosto 2007

Valentino Rossi e il fisco

In moto ha del gran manico, in auto pure, con i commercialisti un po' meno.
E più patetico è suo padre che al GR1 dice qualcosa come: "Questa polemica non ci vorrebbe, visto che Valentino sta attraversando un momento particolare del motomondiale".
Lo si sa: questi bravi giovani milionari (fa meno effetto: una volta si diceva "miliardari"), generalmente si affidano ciecamente ai consulenti e ai commercialisti. Sono bravi, portano in alto il nome dell'Italia sportiva, ma se ogni tanto al loro commercialista dicessero: "Mi raccomando, non esagerare!" mi piacerebbero di più anche come persone.

19 commenti:

poldone ha detto...

davvero davvero.
io posso anche capire che girando il mondo per otto mesi all'anno e raggranellando milionate a destra e a manca tu debba per forza di cose affidarti a dei professionisti per gestire il patrimonio. ma porco di quel cazzo, non chiedi mai mai come stanno le cose? non provi a informarti su leggi e leggiucchie degli stati, delle norme del fisco. niente?
il babbo poi, che tristezza.

anche per me e' il momento meno opportuno, son qui incasinato a preparare le valigie, proprio proprio non ci voleva la bolletta enel e quella fastweb. mi distraggono.

signor ponza ha detto...

Perché, è una polemica?

Elle ha detto...

Forse non dovrebbero pagarlo così tanto anche se è un Campione!

aggery ha detto...

..e andate chissà dove, per non pagar le tasse, col ghigno e l'ignoranza dei primi della classe....

Cima ha detto...

Anche io non dovrei essere qui. Il Folletto mi aspetta...

capemaster ha detto...

leggiti l'articolo di serra su repubblica...

Ed ha detto...

@poldone: in questi momenti cruciali non dovrebbero arrivare bollette, è vero!
@signor ponza: è gossip estivo più che altro
@elle: possono pagarlo finché vogliono (oggi sono tutti strapagati e lui rischia un po' più di un calciatore, per dire), purché paghi le tasse.
@aggery: già..poi fanno gli gnorri
@cima: non connetto.
@cape: dove diavolo è l'articolo? Mi è sfuggito.

Franca ha detto...

Credo che la vicenda si commenti da sola.
Sulla dichiarazione del padre mi viene solo da rispondere "Ma chi se ne frega!"

pibua ha detto...

Che delusione! Non me l'aspettavo proprio da lui...
Ma poi, come credeva di poterla fare franca?

chit ha detto...

Bè, si sa che i padri a volte (s)ragionino troppo da padre e poco da persone obiettive.
Riguardo alla vicenda bè, diciamo che con tutto il bene che posso volere al Vale-pilota credo che il Vale-uomo (o chi gli cura gli interessi) stavolta abbiano fatto una sana e bella cazzata, il bello è che sono stati beccati!
Non dimentichiamo che è successo ad altri illustri (vedi Pavarotti) e che poi è sempre finita, come costume italico impone, a tarallucci & vino. Sarà sicuramente così anche stavolta mentre io, che non guido una MotoGp, che non ho sponsor, che mi faccio il mazzo 8 ore al giorno la mia multa LA DEVO PAGARE TUTTA e SUBITO, senza se e senza ma!?!
Non tanto Vale o Pavarotti o Tomba mi scandalizzano quanto l'italico costume per il quale "se hai un nome sei salvo": schifo-schifo-schifo!

guccia ha detto...

Più ne hai più non ti bastano mai... e io lì a tifare in piedi sulla poltrona, soprattutto quest'anno :(

capemaster ha detto...

era in prima pagina

Cima ha detto...

@ Ed: seguivo il filo rosso di poldone, ma poi mi sono perso anch'io... O_o

Anonimo ha detto...

bel sito di sesso

http://blog.libero.it/blogbannato/

Anonimo ha detto...

L'invidia è una gran brutta bestia...in italia ci sono milioni di persone che evadono il fisco ancora prima della nascita di Vale...Lo fa un imprenditore qualunque,magari vostro amico,e nessuno dice niente,anzi magari vi fate una bella risata insieme e andate a bere qlk con lui....tanto offre lui....Lo fa valentino e scoppia finimondo....Se siete frustrati dalla vostra vita che fa pena,non attaccatevi agli sbagli,perchè cmq di sbaglio si tratta,di persone famose che hanno dimostrato di valere qlk nella vita...Dimostrate qlk prima voi,solo allora potrete parlare...

Ed ha detto...

@anonimo: non hai azzeccato niente, ma non importa. Ripigliati!
Se avessi un amico che evade le tasse in quella maniera, come minimo gli direi di non esagerare. E credimi, non invidio nulla a Valentino Rossi. Sono rimasto deluso: mi piaceva, ma è proprio come dici tu, come tutti gli altri fuorilegge.

Anonimo ha detto...

Assolutamente nn d'accordo...Se c'è qlk che si deve ripigliare nn sono io...Se dobbiamo prendercela con qlk,dobbiamo prendercela con lo stato che nn ha ancora risolto il problema(meno perbenismo più cattiveria) e non con i diretti interessati....Per risolvere un problema si deve capire e intervenire sulla causa non sull'effetto.
Intervenire sull'effetto significa risolvere solo quell'istanza,ma non il fenomeno generale.Io proprio nn capisco perchè certe persone che nn si sono mai interessate al motociclismo e a valentino,adesso sentenziano a destra e a manca indignate gettando fango e merda su valentino,quando il problema dell'evasione fiscale esiste da tempo...Vi siete mai chiesti quanti politici e persone famose e potenti fanno lo stesso??????Comè che però questi nn saltano fuori e Vale viene buttato in prima pagina???????Sveglia!!!!

Lucio ha detto...

Buongiorno a tutti.
Ho ragionato diverse volte sul tema Valentino Rossi e Fisco. Sono abbastanza indignato come contribuente. Mi stò ponendo queste domande:
Il fisco ha ragione? Se ha ragione il sig. Rossi deve pagare senza se e senza ma...come ci viene imposto a noi comuni e anonimi cittadini.

Il fisco ha torto? Ma come è possibile che possa avere torto? Questo sarebbe preoccupante poichè allora il fisco non ha le idee chiare in materia..e allora come posso essere sicuro che quello che pago al fisco è quello che veramente devo?

Vorrei andare a fondo alla questione e sapere dal "fisco" come andrà a finire la questione, se il sig. Rossi pagherà o se vi è stato un'errore di valutazione..
Se

Anonimo ha detto...

Interessante leggere

LA MALATTIA MENTALE DI BEPPE GRILLO

Di Domenico Gatti del Canna-Power Team

su
http://www.fottilitalia.com/
che si definisce "il sito anti-italiano per eccellenza"