mercoledì 8 agosto 2007

Staffette

Adesso arriva Bartali.
O un Taormina.


7 commenti:

Franca ha detto...

Consensuale o no, sempre di separazione si tratta.
Non c'è da dubitare però che sicuramente da destra c'è chi si farà avanti per prendere la sua difesa, anche se qualcuno, anche alcuni prelati, stanno prendendo le distanze.
Il suo paragonarsi a Cristo in croce, l'attacco alla magistratura e alle lobby ebraiche poi rimpiazzato con accuse ai massoni, aver utilizzato la brutta storia della pedofilia nelle parrocchie e nei seminari Usa come prova della persecuzione, a suo dire, in atto contro la chiesa, ha fatto storcere il naso anche alle alte sfere ecclesiali che avrebbero preferito una posizione più sfumata, tanto da suggerire una sua "autosospensione" dalla guida della comunità sui cui metodi coercitivi e "carcerari" ci sarebbe molto da dire.

signor ponza ha detto...

Bisogna vedere che cosa si passano nella borraccia...

chit ha detto...

Se prendeva Basso o Rasmussen secondo me rischiava di più...

Carmelo ha detto...

Mi sa tanto che prima o poi arriva davvero Taormina...

aggery ha detto...

Non vedrei male anche un Pecorella-Ghedini... Vedremo..

Tisbe ha detto...

Taormina adora i media ;-)

guccia ha detto...

Davvero una brutta storia stemperata dalla tua solita mitica ironia ;)