mercoledì 24 settembre 2008

Facciamolo uscire


UNA NUOVA EMERGENZA BUSSA ALLE NOSTRE PORTE.
Ha qualcosa di simile alle tante dei nostri 37 anni di vita, perché sempre di bilanci in rosso si tratta. Ma è molto diversa da tutte le altre che l'hanno preceduta, perché stavolta non si tratta di raccogliere i soldi per sopravvivere ma di trovare le risorse per una battaglia di libertà che non riguarda solo noi. Quello che ci assumiamo e a cui vi chiediamo di partecipare è un compito tutto politico. I tagli ai finanziamenti per l'editoria cooperativa e politica non sono misurabili «solo» in euro, in bilanci che precipitano nel rosso, in giornalisti e poligrafici che rischiano la disoccupazione. Sono lo specchio fedele di una «cultura» politica che, dall'alto di un oligopolio informativo, trasforma i diritti in concessioni, i cittadini in sudditi. Non sarà più lo stato (con le sue leggi) a sostenere giornali, radio, tv che non hanno un padrone né scopi di lucro. Sarà il governo (con i suoi regolamenti) a elargire qualcosa, se qualcosa ci sarà al fondo del bilancio annuale. Il meccanismo «tecnico» di questa controrivoluzione lo abbiamo spiegato tante volte in queste settimane (e continueremo a ricordarlo), ma il senso politico-culturale dell'operazione è una sorta di pulizia etnica dell'informazione, il considerare la comunicazione giornalistica una mercé come tante altre. Ed è la filosofia che ha colpito in questi ultimi anni tanti altri beni comuni, dal lavoro all'acqua. Noi ci batteremo con tutte le nostre forze e pubblicamente contro questa stretta: porteremo questo obiettivo in tutte le manifestazioni dell'autunno appena iniziato, stringeremo la cinghia come abbiamo imparato a fare in 37 anni di vita difficile ma libera, incalzeremo la politica e le istituzioni perché ne va della democrazia, spenderemo l'unico nostro patrimonio, cioè il nostro lavoro, per fornire il supporto giornalistico a questa battaglia di civiltà. E ci apriremo all'esterno ancor di più di quanto abbiamo fatto fino a oggi per raccogliere forze e saperi nuovi e capire come essere più utili a chi si oppone ai poteri che ci vogliono morti. Faremo tutto questo, come sempre e più di sempre. Ma oggi siamo di nuovo qui a chiedere aiuto ai nostri lettori e a tutti coloro che considerano un bene essenziale il pluralismo e la libertà d'informazione. A chiedervi di sostituire ciò che questo governo ci nega con uno sforzo collettivo. In un panorama politico e culturale disastrato, di fronte alla lunga sconfitta che in un ventennio ha smantellato la stessa idea di «sinistra», non ci rassegneremo alla scomparsa. Perché, a differenza del protagonista di «Buio a mezzogiorno» di Arthur Koestler, non crediamo che «morire in silenzio» sia una lodevole testimonianza finale. Se questo governo e i poteri che rappresenta vogliono chiuderci, noi vogliamo riaprire.
CON TUTTI VOI, PERCHE ALTRIMENTI E IMPOSSIBILE.
Il Manifesto - 24 settembre 2008

6 commenti:

Ed ha detto...

I commenti tipo: "Sì, dalla finestra; sì, dalla porta; sì dalla scena" non valgono.

Riverinflood ha detto...

Bisogna concretamente sostenere questo giornale, ciascuno con le forze che ha.

bruno ha detto...

La libertà di stampa, prima di tutto !!
Non facciamoci strangolare da Tremonti.

Prefe ha detto...

non sono sicuro.
i giornali dovrebbero arrangiarsi, tutti...

Se fallissero tutti secondo me sarebbe meglio. Tanto i pochi che dicono la verità sono letti solo e sempre dalle stesse 10 persone.
Soprattutto il manifesto.

Titus Bresthell ha detto...

mmm...anche io rimango indifferente.
l'ho letto tanto, non mi è mai piaciuto particolarmente, ma è il meno peggio che si trova in giro.
e poi anche lui i suoi bei miliardini dallo stato si li prende no?
oh, se non vendi più come una volta, fattene una ragione. i tempi cambiano.

Ed ha detto...

Guardate che ricordo benissimo anche quando Bettino Craxi rivolgendosi a Valentino Parlato gli disse: "..eh..però anche voi del Manifesto..." e sono d'accordo che come Libero e altri, prenda i soldi dello Stato, ma finirà che l'informazione su carta verrà gestita da due o tre grandi quotidiani e non so se sia una cosa positiva per la democrazia.