domenica 24 agosto 2008

Senza parole [ma anche no]

Quella che segue è l'intervista al Ministro dell'istruzione Mariastella Gelmini pubblicata oggi da La Stampa.
La telefonata di Berlusconi a Putin per evitare un inutile bagno di sangue, al confronto, è niente: quella minchiata mi aveva fatto ridere, queste qua sotto no.

Corsi di recupero per i prof meridionali
Il Ministro Gelmini: abbassano la qualità della scuola

Il ministro Gelmini con grazioso accento bresciano lancia la sua proposta: troppi insegnanti del Sud abbassano la qualità della scuola, bisogna provvedere perchè la scuola «non è uno stipendificio». Come? Con corsi intensivi dedicati a loro, a cominciare da quattro regioni. La giovane Mariastella non teme reazioni immediate, gioca in casa, è a Cortina ospite d’onore in un dibattito. Già che c’è lancia altre due proposte: iniziamo la scuola a fine settembre, perchè l’Italia è un paese turistico ed è peccato perdere un mese così bello stando in aula; e diamo 5 in condotta ai bulli, così poi saranno puniti con la bocciatura automatica.
«La scuola - spiega il ministro - è elemento unificante dello Stato e i programmi devono essere uguali per tutti, ma si deve aprire al contesto territoriale e alzare la propria qualità abbassata dalle scuole del Sud». Il passaggio dei prof dal Sud al Nord? Per Gelmini «non è mai favorevole ma non mi preoccupo della provenienza dell’insegnante ma della sua capacità. Alcuni istituti del Meridione abbassano la qualità generale. Per questo in Sicilia, Puglia, Calabria e Basilicata organizzeremo corsi intensivi per gli insegnanti. Dobbiamo premiare il merito, liberare le risorse e introdurre una rivoluzione indispensabile». Sono i passi necessari per eliminare «il livello d’insoddisfazione generalizzato che oggi esiste non solo tra gli studenti ma anche tra le famiglie e gli insegnanti».
I bulli
Secondo Gelmini «il buonismo più che altro crea danni. L’insegnante non deve ricevere minacce dai dirigenti scolastici, per non bocciare. Queste forme di buonismo sono una comodità per gli adulti e un danno enorme per i ragazzi. Il docente non è un amico dell’alunno e le famiglie non devono fare le sindacaliste dei ragazzi. Ci dev’essere corresponsabilità nella funzione educativa, la famiglia deve stare dalla parte dell’insegnante. Altrimenti è un elemento di danno».
Gli immigrati
«Un immigrato che non conosce l’italiano - dice il ministro - blocca lo studio di tutti. Stiamo pensando a corsi intensivi d’italiano per chi arriva da altri Paesi. Quando non si conosce la lingua non ci può essere integrazione».
Le risorse
«Occorre liberare le risorse. Oggi il 97% del bilancio del ministero è utilizzato per pagare stipendi molto bassi. La scuola è stata utilizzata come un modo per creare occupazione. Un errore che oggi paghiamo e facciamo pagare ai giovani. La Finanziaria prevede una razionalizzazione delle spese: da lì passa l’introduzione della meritocrazia e il 30% dei risparmi che andremo a produrre grazie a una riduzione degli sprechi. La scuola non dovrà più essere un’appendice del Welfare».
Paolo Poletti - La Stampa, 24 agosto 2008

Errata corrige: più che di una intervista si tratta del resoconto di un dibattito avvenuto a Cortina, con la partecipazione del Ministro.
Update: è già arrivata la smentita.

3 commenti:

Riverinflood ha detto...

La ministra è una personcina molto piena di orpelli e leziosità senza frutto né costrutto. Non sa, ad esempio, che la crisi della cultura in generale, non la deve cercare tra gli insegnanti, ma va ascritta nella stessa società che ne è dispensatrice. Se in questa società c'è gente come questa ministra, allora possiamo ben dire che anche lei è dispensatrice di bassa cultura, anzi di anticultura.

Franca ha detto...

"... non mi preoccupo della provenienza dell’insegnante ma della sua capacità..."

Bontà sua...

Titus Bresthell ha detto...

...
...
...