domenica 23 ottobre 2005

Rock e trementina

Gli Squirrel Bait si formano a Louisville all'inizio degli anni ottanta e comprendono: Clark Johnson al basso, Peter Searcy al canto, Ben Daughtrey alla batteria, Brian McMahan e David Grubbs alle chitarre.
Quando incidono il primo mini lp nel 1985, il più anziano di loro, il batterista, ha vent'anni: li ricordo in una foto su Rockerilla che li ritraeva in procinto di prendere l'autobus con gli strumenti in spalla perché nessuno di loro aveva ancora la patente di guida.


Nel 1986 esce Skag Heaven con un suono post-hardcore e un'onda chitarristica che investe dall'inizio alla fine. Non è più 'noise rock', ma il suono è acceleratissimo.
Nei testi delle canzoni si parla del disagio e del degrado dei giovani che si drogano inalando trementina.
Ci sono almeno tre pezzi una spanna sopra gli atri: Kid Dynamite, Rose Island Road e l'incredibile cover di Tape From California di Phil Ochs.
Skag Heaven è l'opera che segna l'inizio della cosiddetta scena di Louisville.
Dopo questo album gli Squirrel Bait si sciolgono e ognuno intraprende la propria strada. Brian McMahan farà parte prima degli Slint e poi dei For Carnation; David Grubbs dei Bitch Magnet, dei Bastro e dei Gastr del Sol per poi continuare da solo (visto due anni fa a Roma insieme a non più di cinquanta persone in un concerto memorabile). Dagli Squirrel nascono anche i Palace, poi diventati Palace Music, veramente low, low-fi.

1 commento:

contevico ha detto...

Io invece, in attesa che De Michelis si costituisca - ma non contiamoci - sono in ansia per le avventure di Kerry, Miranda Samantha e Charlotte. Sempre a New York.