mercoledì 26 settembre 2007

Il fattore "G"

Dai sondaggi risulterebbe che la maggioranza è al 42%, la Cdl al 56% e Berluschini dice che il fattore G lo aiuta.
Non sono d'accordo: lo aiuta il governo attuale, quello per cui anch'io ho votato proprio per levarmi di torno l'unto dal Signore.
E sono rimasto deluso.
Non mi ero fatto molte illusioni e il Programma dell'Unione non l'avevo neppure letto, sebbene per giorni e giorni molti abbiano sprecato il loro tempo a studiarlo e a dibatterlo.
Ma io sono io, Antonio Polito invece è un parlamentare riformista (non ho mai capito cosa voglia riformare) che ha detto a Anno Zero: "È impossibile applicare tutto, ché son 280 pagine." Bravo!
In effetti pagine ne sarebbero bastate poche e in fondo le affermazioni del riformista più furbo del Senato confermano ciò che ho sempre pensato: i programmi servono in campagna elettorale, più sono voluminosi e più impressionano.
Fatte le elezioni diventano carta straccia.
A me sarebbero bastati pochi punti su cui il Governo avrebbe dovuto lavorare per tutta la legislatura, se necessario:

1) Conflitto di interessi
2) Pacs
3) Lotta all'evasione fiscale
4) Lotta al precariato
5) Riforma elettorale
6) Ritiro totale e incondizionato delle truppe dall'Iraq e dall'Afghanistan.

Del conflitto di interessi non si è più parlato.
E' bastato che qualche cardinale alzasse un po' la voce e i Pacs sono diventati prima Dico e poi Cus ("Contratti di Unione Solidale").
La lotta all'evasione per fortuna è in atto, ma qualcuno ricorda il superbollo per i SUV sparito in men che non si dica?
Dei precari non parliamone ché tali erano e tali restano.
Quando si è parlato di liberalizzazioni è bastato che un pugno di tassisti alzasse un po' la voce per far sì che Bersani rivedesse un po' tutto.
La legge elettorale, meglio conosciuta come "porcata", un giorno va bene, l'altro no e c'è qualcuno che parla di elezioni anticipate senza pensare minimamente a fare prima la riforma di tale fetecchia.
Dispiace dire che l'unica cosa fatta da questo governo che mi sia rimasto impressa sia l'indulto, voluto da Mastella e votato anche dall'opposizione (AN a parte).
Direi che il fattore G c'entri poco: gli elettori, quelli come me, la delusione l'avevano già dentro qualche mese dopo l'insediamento del governo Prodi e se alle prossime elezioni (anticipate o no) la coalizione perderà e ci ritroveremo fra i piedi di nuovo Berluschini, mi dispiace: non saranno cavoli miei, saranno cavoli loro.
Perché per dirla proprio tutta: non è che me la stia passando meglio rispetto a due anni fa.

13 commenti:

Tengi ha detto...

hai ragione. il fattore G è un pretesto. e grazie per avermi ricordato la faccenda del superbollo ai SUV: il problema degli elettori è che non hanno un taccuino su cui appuntarsi tutto.

valentina ha detto...

il fattore G è trasversale ai due schieramenti, gli italiani son stufi di questa politica arrogante e inconcludente.

Lupo Sordo ha detto...

Tra un po' mi augurerò del ritorno di Berlusconi... E questo è grave.

zefirina ha detto...

mi sa che il fattore G è come il punto G .... tutti lo cercano e nessuno lo trova o meglio un fenomeno non scientificamente comprovabile

chit ha detto...

Analisi impietosa ma, ahimè, veritiera e corretta. Nient'altro da aggiungere, voto la tua mozione!

nandina ha detto...

Per caso hai visto Ballarò ieri sera?
Io mi sono quasi messa a piangere nel vedermi avere speranza in Rosy Bindi... c'è grossa crisi...

S.B. ha detto...

Macchè fattore G !! Io aspettavo i Pacs.. ma si vede che son troppo di sinistra ! :-(

Franca ha detto...

Che altro potrei dire?
In luglio sullo stesso argomento ho fatto un post dal titolo: Su "Chi l'ha visto?"> il programma dell'Unione...

guccia ha detto...

Chi glielo spiega adesso a Bertinotti che al governo ci si doveva entrare solo dopo una dura lotta su alcuni paletti fondamentali? (gli stessi che scrivi tu). Noi, della mozione di serie B, prima, ci abbiamo provato. Adesso... eh adesso ci ribecchiamo l'unto, perché è quello che gran parte dell'Italia si merita. Peccato per gli altri...

Cima ha detto...

Saranno cavoli nostri, Ed, ma almeno non ci sentiremo buggerati.

dalianera ha detto...

E come se non bastasse ci sono anche le finte elezioni del 14 ottobre. Tutto molto bello.

aggery ha detto...

E' curioso quanto i media ci reputino idioti. O forse lo siamo? La notiziona sul fattore G mi ha reso la giornata divertente..

Marco ha detto...

Bè non c'è da meravigliarsi le cose NON fatte, serviranno come programma tra qualche mese. Il conflitto di interessi serve sempre, la lotta all'evasione di più, i pacs nuovi ci mancherebbe, le truppe se dovessero tornar prima sarebbe un danno, ....
Ci si sente un pochino come quelle spigole d'allevamento.
Salut Marco